Arcaniversitas Wiki

Calypso Selvaspina è uno studente di Torrebruma.

Non c’è serata che Calypso non passi in riva al mare con il naso all’insù, perso tra l’incanto luminoso di quelle stelle da cui prende il nome: sin da quando era bambino i racconti dei genitori e dei loro colleghi riguardo il loro lavoro lo hanno fatto appassionare agli astri e ai misteri ad essi legati, tanto da portarlo a diventare un piccolo – ma brillante – astrologo in erba. Un giorno, leggendo la mappa astrale che lui stesso si premura di aggiornare e che porta sempre in tasca, si è reso conto però di avere qualcosa di speciale – qualcosa che non tutti gli appassionati di cielo notturno possono vantare: oltre a sapere a memoria i nomi delle costellazioni, la loro posizione nella volta celeste in base alle stagioni e le influenze che esse esercitano su maghi e babbani, il giovane ha realizzato di riuscire a cogliere e comprendere gli enigmatici suggerimenti riguardo al futuro che le stelle forniscono. Quando ha ricevuto la sua lettera per Torrebruma, Calypso era a dir poco entusiasta: la scuola di magia e stregoneria gli avrebbe permesso non solo di affinare le proprie conoscenze – specialmente quelle inerenti all’astrologia, che non si sognerebbe mai di abbandonare – ma, allo stesso tempo, anche di poter condividere una feconda amicizia con altri maghi entusiasti come lui. Nonostante la sua spiccata indipendenza, Calypso nutre infatti anche un forte sentimento di appartenenza e sa già che si impegnerà ad essere per i propri compagni – in particolar modo per quelli della Casa in cui è stato smistato – un punto di riferimento, proprio come la Stella Polare che ogni notte si affaccia nelle tenebre della notte per fare da guida ai marinai in navigazione.