Gianmarco Varani è uno studente di Roccantica.

Gianmarco a Torrebruma lasciò tutti di stucco, professori e studenti. Mai nessuno nella storia della scuola era riuscito al primo anno di studi a preparare una Felix Felicis perfetta. E non era nemmeno nel programma di studi. Era chiaro che Gianmarco era quello che il mago o la strega comune definisco ‘genio’. Una dote naturale che lo studio avrebbe potuto solo che affinare.  Come la maggior parte dei geni però era sregolato e tutti coloro che lo hanno conosciuto sapevano che lui amava creare e sperimentare, spesso su sé stesso, le più folli pozioni. Esperimenti nati dalla sua mente talvolta al solo scopo di stupire gli altri: pozioni per cambiare colore della pelle, pozioni per far crescere i capelli, pozioni per raccontare le barzellette migliori. Lui e sua sorella Anna, più piccola di un anno e che spesso gli faceva da assistente, si divertivano spesso a provarle su di loro. Qualcosa cambiò però l’ultimo anno, quando per motivi ignoti Anna si ritirò da Torrebruma. Gianmarco si chiuse in laboratorio e si dedicò alla produzione di pozioni piuttosto classiche, preparati che fino a pochi mesi prima disdegnava per quella che lui definiva ‘un’eccessiva semplicità di realizzazione’. Amortentia, Felix Felicis, Polisucco e distillati soporiferi iniziarono a circolare per la scuola perché ‘qualcuno’ aveva iniziato a venderli sottobanco. E d'altronde, chi comprava queste pozioni di nascosto, non si chiedeva certo quali fossero le motivazioni per cui un genio delle pozioni - se come si diceva era davvero lui a produrre i filtri - si fosse messo a spacciarle per denaro.

Legami Pubblici

Gianmarco è noto per essere stato un solitario ai tempi di Torrebruma, sempre chiuso nel laboratorio di pozioni o chino su qualche ammuffito libro di alchimia. In diversi però giurano di averlo visto confabulare in gran discrezione con Giobbe Bracciani o gli è parso di sentirlo discutere con il commissario Frida Tortora. A parte questi vaghi pettegolezzi, il ragazzo è per molti un mistero.

31012018

I contenuti della comunità sono disponibili sotto la licenza CC-BY-SA a meno che non sia diversamente specificato.