Arcaniversitas Wiki

Libera Melograni è una iettatrice professionista.

Sebbene Libera sia una persona pacata, gentile e disponibile, insomma un’interlocutrice piuttosto piacevole, sono ben pochi coloro che hanno il coraggio di scambiare con lei più di un fugace saluto. Fin da quando Libera era poco più che una bambina, le malelingue di Borgotorvo mettevano in giro strane voci su di lei: sostenevano che la sfortuna la perseguitasse e che coloro che le stavano troppo vicino prima o poi finivano per essere vittime di accadimenti spiacevoli e totalmente inspiegabili. In età adulta, una volta capito che non aveva modo di far smettere quelle voci infamanti, Libera decise che a quel punto tanto valeva farne una professione. Riuscì a convincere alcuni funzionari del Ministero della Magia grazie a una serie di prove empiriche (e qualche minaccia velata) e le venne rilasciato un vero e proprio certificato di "Portasfortuna autorizzato" grazie al quale potè ufficialmente mettere la propria malasorte al servizio del prossimo. Oggi Libera è una stimata professionista con decine di clienti che richiedono i suoi servizi per risolvere problemi gravi come liti con il vicino maleducato, dispute per amori non corrisposti o tentativi di aumentare le chance di vincere (facendo perdere gli altri) qualche somma scommettendo sulle partite di pugna della domenica.

Legami Pubblici 

La relazione tra il famoso Stefano Magoré e la sconosciuta ai più Libera Melograni ha attirato l’attenzione dei lettori (ma soprattutto lettrici) più accaniti e giornalisti per rotocalchi rosa, ma ancora nessuno è riuscito ad avere un’intervista in esclusiva di questa fortunata strega. È stata vista spesso con Giobbe Bracciani, lo studente di Roccantica che Salomone Birmani prese sotto la propria ala prima della sua morte.  Negli ultimi tempi si è trattenuta in taverna a bere qualche bicchiere con Malvina Conciapelle e Umbra Zaccari. Malgrado Libera si mostri sempre gentile e cordiali con tutti, non si è mai preoccupata di nascondere il suo astio per Lucrezia Crinieri, Marilù Birmani e Gisella Famiani.