Arcaniversitas Wiki
Advertisement

Manfredi Controbuio è uno studente di Torrebruma.

All'inizio non è stato facile per Manfredi capire cosa stava succedendo: essendo un ragazzo molto perspicace, si era accorto da tempo di essere diverso dai genitori... ma la conferma arrivò quando un giorno andò a trovare i suoi in bottega e, per errore e senza sapere come, fece saltare per aria un intero scaffale di porcellane pregiate. Spaventati e indecisi sul da farsi, Orlando e Camilla (suo padre e sua madre) decisero di indire una riunione di famiglia per capire come comportarsi. Fu in quell'occasione che il nonno di Manfredi si fece avanti, spiegò che il ragazzo era un giovane mago, e ciò che si doveva fare: lasciare che avesse un'istruzione da mago! In effetti, nonno Sirio era sempre stato quello con cui Manfredi si trovava meglio a parlare: sembrava capire davvero la sua indole schietta ed il suo alto senso di giustizia, lo ascoltava per ore quando gli raccontava ciò che aveva letto nei suoi libri d'avventura preferiti, e gli aveva insegnato negli anni un sacco di scherzi divertenti e come inventarne sempre di nuovi. Sebbene a Manfredi non piaccia particolarmente studiare, non vede l'ora di seguire le lezioni di Torrebruma: è un grande appassionato di incantesimi, e vorrà impegnarsi per imparare ad utilizzarli alla perfezione; inoltre, nei suoi libri di avventura spesso si parlava di pozioni magiche, e quindi è molto curioso di scoprirne sempre di nuove. Da quando, poi, Manfredi ha saputo di essere un mago, ha iniziato a leggere tutto quello che ha trovato sulla magia: pensa spesso al senso delle cose, cercando di capire come funzionino e perché funzionino così, e l'universo magico offre tantissimi spunti di riflessione! Per questo ha deciso di voler diventare uno stimato filosofo della magia, sperando un giorno di arrivare ad essere conosciuto come Nemo Errantes, un illustre filosofo e luminare della magipsicologia (autore di testi come Ecce Magus o Critica della magia pura).

230520

Advertisement