Arcaniversitas Wiki
Advertisement

Porfio Abbondio Prelato è il nuovo, misterioso, taverniere della Cambusa.

Ardens ad sidera, "Aspira ardentemente alla stelle", recita il motto di Roccantica. Così come recitava continuamente Porfio Prelato, quand'era ancora un giovane studente Rubendraco, pieno di sogni e ambizione. Competitivo fino al fastidio, Porfio non perdeva occasione per dar prova delle sue virtù, che si trattasse del Torneo dei Duellanti, delle prove di congrega o di chi beveva più burrobirra in un sorso solo. Determinato a far carriera, dopo il diploma non ha fatto segreto (come avrebbe dovuto) dell'incarico da parte del Ministero per una missione estremamente top secret. Prevedibilmente, non si è saputo più nulla di lui, dalla sua partenza fino al suo ritorno, accaduto improvvisamente qualche mese fa. Ma a tornare è stato un mago talmente diverso che a lungo la gente si è chiesta se non fosse uno sconosciuto sotto pozione Polisucco. Infatti, messe da parte le stelle, il nuovo motto di Porfio è divenuto: "Me ne lavo le mani", che altro non è che una reiterata richiesta d'essere tenuto fuori dai tumulti che percorrono le strade del borgo. A chi gli chiede cosa pensa dell'attuale scena politica, Porfio risponde scrollando le spalle. Domandategli pure cosa pensa delle sperimentazione alchemiche sulle remore domestiche, per assistere alla sua peculiare smorfia di fastidio mista a indifferenza. Se lo interrogherete sul suo passato, non esiterà ad allontanarsi borbottando e maledicendo qualche antico mago. 

Essendo ora la sua massima aspirazione bere una burrobirra in pace, ha accettato di lavorare come taverniere per Colombo Baccanti. Tuttavia, ha sottovalutato fatalmente la quantità d'informazione che passa per i tavoli della Cambusa, oltre che l'implacabile curiosità dei suoi avventori, che non smettono di domandarsi: cosa ha sconvolto Porfio Prelato per cambiarlo a tal punto? Quale oscuro segreto custodisce? Ma soprattutto: finge o è davvero così ingenuo da illudersi di poter vivere tranquillo a Collescuro, fulcro di (quasi) tutti i misteri e i disastri del mondo magico? 

210220 

Advertisement